1 Flares 1 Flares ×

“To kick the bucket” è l’equivalente inglese del nostro “tirare le cuoia”, “stirare le gambe”, “passare a miglior vita”, insomma M O R I R E . Oggi uno, domani l’altro, c’è poco da fare: ci tocca. Circoli filosofico-meditativi, gadget apotropaici e altri espedienti per prepararci/accettare/esorcizzare sono amenità decisamente estranee alla frivola praticità di questo post: l’idea è quella di approfittarne per prendere la penna in mano (per gli amanti del vintage come me) e ritagliarsi un po’ di tempo per stilare una lista delle cose-da-fare-assolutamente-prima-di-morire – una bucket list, per l’appunto. Io, che in generale posso dire di avere un vero e proprio feticismo per le liste (SPOILER ALERT: dato che si è in odore di buoni-propositi-per-l’anno-nuovo, vi darò ulteriori dettagli molto presto) ho colto la palla al balzo e circa un anno fa ho prodotto un ennesimo, favoloso elenco puntato.

Solo che (ulteriore elenco puntato):

  1. non ho nessuna voglia di pensare a quando morirò;
  2. voglio convincermi che accadrà il più tardi possibile, e quindi ritengo che le cose che vorrò fare prima dell’estrema unzione saranno influenzate dalla persona che ancora devo diventare, dai traslochi che -sic!- mi toccherà affrontare, o per esempio dall’uomo che deciderò di sposare o mollare all’altare.

In alternativa, perciò, mi sono data una scadenza: cinque anni in cui darmi una mossa per arricchire il mio spirito, aprire la mente e il cuore, fare alcuni passi avanti, soddisfare qualche curiosità. Per poi ricominciare daccapo, si spera, con un nuovo piano. La mia 5-year-bucket list non contiene nulla di davvero eclatante, tipo “scalare l’Everest”, “pomiciare con Fedez” o “diventare una star di Hollywood”. Prima di tutto perché cose come diventare una star di Hollywood o pomiciare con Fedez potrebbero non dipendere esclusivamente dalla mia forza di volontà e dalla mia – seppur conclamata – capacità di organizzazione.

Mi piacerebbe, invece, impiegare il mio tempo per esplorare nuovi lati di me, e anche per togliermi qualche sfizio. Di diventare la nuova Lady Gaga non mi importa molto (soprattutto, non sarò io a deciderlo); cantare una canzone senza steccare gli acuti, semmai, potrebbe darmi grandi soddisfazioni, a seguito di un discreto impegno; o mantenere la calma davanti a una cicala: cose del genere.

La mia 5-year-bucket list è propriamente una bucket envelope: per ogni categoria, ho creato un elenco e l’ho trascritto su un piccolo foglio.

consigli bucket list Flow Francia

Quello che vedete nella foto, sotto ad alcuni dei miei foglietti, è il numero natalizio dello scorso anno di Flow (ed. francese) che dava qualche veloce consiglio per stilare la bucket list perfetta.

Poi, ho messo tutti i foglietti in una busta da lettere fuxia, che mi porto sempre dietro.

bucket envelope

Se siete curiosi di sapere in cosa sarò impegnata nei prossimi quattro anni, o se cercate qualche ispirazione, ecco la mia

5-year-bucket list

(Ho evidenziato le cose che ho già fatto e commentato tra parentesi le attività più a lungo termine. Andando avanti nella missione, continuerò a modificare questo post, colorando le voci nell’elenco e aggiungendo commenti).

5-year-bucket list

1 gennaio 2016 – 31 dicembre 2020

CREATIVITÀ

  • Aprire un blog  (ora bisogna tenerlo in piedi)
  • Scrivere una poesia
  • Scrivere un haiku
  • Scrivere un racconto per bambini
  • Immaginare trama, soggetto e struttura di un romanzo
  • Ipotizzare la sceneggiatura di un film
  • Dipingere un quadro
  • Girare un video
  • Passare una giornata intera a fare fotografie
  • Fare un disegno
  • Fare un album di foto della famiglia

EVOLUZIONE PERSONALE

  • Prendere lezioni di canto
  • Frequentare un corso di pittura
  • Provare a recitare
  • Prendere lezioni di salsa
  • Provare a suonare uno strumento
  • Seguire dei corsi online su materie che non conosco
  • Parlare fluentemente il tedesco
  • Imparare il dialetto svizzero
  • Iniziare a studiare il cinese o il giapponese
  • Leggere un libro su un argomento a caso
  • Cucinare un boeuf bourguignon
  • Andare in discoteca
  • Imparare a memoria gli stati degli USA
  • Meditare per 30 giorni di seguito
  • Andare ogni anno ad un concerto (2016: Max Gazzè a Roma e Marlene Kuntz a Firenze)
  • Prender parte ad uno workshop di meditazione
  • Tornare in psicoanalisi
  • Fare un viaggio in macchina guidando io

SUPERARE I MIEI LIMITI

  • Imparare a fare buchi col trapano
  • Imparare a rimettere la catena della bici
  • Fare un tuffo da uno scoglio alto
  • Toccare un animale schifoso
  • Sedermi sulla sabbia senza asciugamano
  • Uscire senza ombrello sotto la pioggia
  • Imparare a sciare
  • Provare ad arrampicarmi

ATTIVITÀ FISICA

  • Prendere lezioni di nuoto
  • Prender parte ad uno workshop di yoga
  • Toccare per terra senza piegare le ginocchia
  • Provare il pilates
  • Montare a cavallo
  • Fare il giro del lago di Costanza in bici
  • Andare alle terme
  • Farmi fare un massaggio
  • Fare una sauna

VIAGGI

  • Visitare la Puglia: Torre Guaceto, Bari, Foggia, Polignano
  • Visitare l’Italia: Giardino dei Tarocchi, Sardegna, Sicilia, Friuli, Venezia
  • Visitare l’Europa: Berlino, Praga, Budapest, Portogallo, Irlanda, Croazia
  • Visitare “il vicinato”: Svizzera, Vorarlberg e Germania
  • Giappone
  • USA
  • India
  • Australia // Nuova Zelanda

LETTURE

  • La Commedia dantesca (sono al XXXII canto dell’Inferno, che finirò entro la fine dell’anno)
  • Un libro di poesie
  • Finire la Guida Galattica per Autostoppisti
  • Du côté de chez Swann
  • On the road
  • Siddharta
  • L’Odissea

MUSICA

FILM

DI TUTTO UN PO’

  • Andare ad un presepe vivente
  • Rifare il presepe insieme a mamma e papà
  • Andare a una festa in maschera
  • Andare a una sfilata / fashion week
  • Stare in silenzio per 24 ore
  • Essere vegana per una settimana
  • Essere vegetariana per un mese
  • Festeggiare un compleanno a casa
  • Vedere la fioritura dei ciliegi in Giappone
  • Andare ad una sagra
  • Mungere una mucca
  • Offrire qualcosa ad uno sconosciuto in un bar
  • Piantare un albero e vederlo crescere
  • Prendere il treno e scendere in posti a caso
  • Dare del cibo ad un mendicante
  • Scrivere le ricette delle nonne
  • Passare sotto la pietra di San Vito
  • Giocare con i miei vecchi giochi
  • Tingermi i capelli
  • Comprare delle scarpe da favola
  • Provare 100 nuove ricette (sono a 16)

Se volete stilare una bucket list e avete bisogno di idee interessanti, Internet soddisferà la vostra fame di ispirazioni. Esiste addirittura una community, Bucketlist.org, dove trovare ispirazioni, creare le proprie liste e tenere traccia dei traguardi. Devo chiarire che non mi piace per niente l’approccio serioso e “manageriale” del sito (la community fornisce persino un piano business: si tratta di un software a pagamento che promette di motivare gli impiegati delle aziende ad essere più produttivi tramite il riconoscimento dei risultati raggiunti e la somministrazione di ricompense ad hoc). Ho deciso di citare lo stesso questo strumento per chi preferisse gestire online le sue bucket list anziché usare carta e penna e per coloro che amano l’aspetto social della questione. Inoltre, anche Bucketlist.org fornisce molte idee di attività da includere nella bucket list, suddivise per categorie.

Per chi tra voi ha già stilato una bucket list, quali sono le cose che assolutamente vorreste fare nella vita, quelle piccole stupidaggini che, chissà come mai, non avete ancora provato? Quali sono le sfide per cui proprio pensate di non avere ancora il coraggio, ma che un giorno vi piacerebbe affrontare? Mi piacerebbe saperlo!

Buon divertimento e buona vita a noi!

(Immagini modificate o create tramite Snappa e Be Funky)

1 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 1 Google+ 0 1 Flares ×

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *